Slow Fish, our tiny odyssey among world’s seas

(Right below the Italian text)

Genoa’s Porto Antico, 18-21 May:

When I reflect on the meaning of Slow Fish, I usually think of the lyrics of De André Talking, it is a short reflection called “Idioma”, about languages, used to introduce a Song Called “ ‘A Pittima” (from the Album Creuza de mä), entirely sung in the Genoa’s dialect.

“[…] It is well known that losing the language, the people, as well as losing their culture probably lost also a bit of dignity.”

As for the language, for the peoples of the sea, sailors whose cuisine smell of salty water, lose their gastronomic culture with their scents, and the flavors of freshly caught fish corresponds to the loss of identity and dignity, so the songwriter continues with:

“[…] Defending ethnic culture also means defending ethnic cultures […]”

And in this odyssey from the seas of the world that is Slow Fish 2017, which motto is “We are the Net”: producers, fishermen, cooks, educators, researchers will meet, sharing, through events, knowledge of the importance of Fish consumption on health and the effects of fishing on marine ecosystems through simple and pleasing languages: for example by telling these concept and issues to the visitors through the typical dishes of the gastronomic tradition, prepared using fish on which the solid bases of Mediterranean cuisine and all the Other people of the sea.

Among the events that will take place among the stands at Porto Antico in Genoa, the ones we surely prefer are the foodie events held by the various exhibitors who, through taste labs, expect, in addition to the tasting of typical regional products Including the choice of taste and territory, the fish chain and the importance of the presence of fish in the diet, offering guests tastings.In the stands of the Slow Food house, there are a series of workshops where cooks from the Slow Food alliance will demonstrate the art of preparing some of their dishes.

Among the events that will take place among the stands at Porto Antico in Genoa, those who surely like the most are those foodie events, held by the various exhibitors who, through taste labs, provide, besides the tasting of typical regional products also lessons about the territory, the fish chain and the importance of the presence of fish in the diet.In the Slow Food house stand, there are a series of workshops where cooks from the Slow Food alliance will demonstrate the art of preparing some of their dishes.

Wandering around the port, then, it is not difficult to find yourself in front of one of the many artisan brewery from all over Italy (just as it is not so easy to resist the temptation to try them all). Wine also plays its role in this event: in addition to the exhibitors who bring the wine from their region, the “sails” of Bigo, on Piazza delle Feste, can be found in the Enoteca Slow Wine, rich in bottles coming from all over Italy.

SMALL FINAL CONSIDERATIONS:
For those who like to discover the gastronomic cultures of the various countries / regions of Italy, Slow Fish is the suitable event: this small odyssey undertaken among the world’s seas is the best way to learn about the complexities, flavors and aromas of These cultures in a pleasant mix of food and education (well accompanied by scented craft beer).

It’s worth listening to De André’s Talking. Here it is!
(Despite in Italian)

Have a nice stay,
and a nice plate of fried fish!


Porto Antico di Genova, 18-21 Maggio:
Quando rifletto sul significato di Slow Fish non posso che pensare a dei versi di un Talking di De André, una riflessione chiamata Idioma, raccontata per introdurre ai concerti la canzone ” ‘A Pittima”, una delle perle di Creuza de mä, album interamente cantato in genovese:

“[…]E si sa benissimo che perdendo la lingua, un popolo, oltre che perdere la propria coltura perde anche probabilmente un po’ di dignità.”

Così come per la lingua,  per i popoli del mare, navigatori la cui cucina profuma di mare, smarrire una cultura, quella gastronomica della tradizione coi suoi profumi, ed i sapori del pesce fresco appena pescato, corrisponde alla perdità di identità, di dignità, quindi  il cantante continua con:

“[…]Difendere la cultura etnica vuol dire difendere anche al plurale le culture etniche. […]”

Ed in questa odissea tra i mari del mondo che Slow Fish 2017 rappresenta, il quale motto è “La rete siamo noi”, produttori, pescatori, cuochi, educatori, ricercatori si incontreranno, condividendo, attraverso eventi, le conoscenze sull’importanza effetti del consumo del pesce sulla salute e sugli effetti della pesca sugli ecosistemi marini attraverso dei linguaggi semplici e piacevoli, ad esempio raccontandoli ai visitatori attraverso i piatti tipici della tradizione gastronomica, cucinando i pesci sui quali sono sorte le solide base della cucina mediterranea e di tutti gli altri popoli di mare.

Tra gli eventi che si terranno tra gli stands sparsi per il Porto Antico di Genova, quelli che sicuramente ci fanno gola (letteralmente) ci sono quelli mangerecci, tenuti dai vari espositori che, attraverso laboratori del gusto, prevedono, oltre all’assaggio di prodotti tipici regionali anche delle lezioni sul gusto ed il territorio, sulla filiera ittica e sull’importanza della presenza di pesce nella dieta.
Negli stands della casa Slow Food, invece si tengono una serie di Workshop, in cui, ai fornelli, i cuochi dell’alleanza Slow Food, dimostreranno l’arte della preparzione di alcune loro pietanze.

Girovagando per il porto, poi, non è difficile ritrovarsi di fronte ad uno degli stand dei tanti birrifici artigianali provenienti da tutt’Italia (così come non è altrettanto semplice resistere alla tentazione di provarle tutte quante). Anche il vino, in questa manifestazione, gioca il suo ruolo: oltre agli espositori che offrono quello proveniente dalla propria regione, sotto le “vele” del Bigo, in Piazza delle Feste, è possibile trovare l’Enoteca Slow Wine, ricca di bottiglie fregiate della chioccioline provenienti da tutt’Italia.

PICCOLE CONSIDERAZIONI FINALI:
Per chi ama scoprire le culture gastronomiche dei vari paesi/regioni d’Italia, Slow Fish è la manifestazione adatta: questa nostra piccola odissea intrapresa fra i mari del mondo è il modo migliore per imparare a conoscere le complessità, i sapori ed i aromi di queste culture in un piacevole connubio di cibo ed educazione (ben accompagnato da birre artigianali profumate).

Che piaccia o meno l’autore, vale la pena concedersi il gusto di ascoltare il Talking di De André. Eccovelo qui!

Have a nice stay,
ed un piacevole piatto di frittura di pesce!

VINUM, what to know, and what you can not miss the last day.

(Right below the Italian text)

1st May:
We all know that, in the wine-making scene, in Italy the Langhe region has the same importance as the Bordeaux region for France, and only a place such productive and suggestive as these marvelous hills (Word Heritage since 2014) can hosts the “National Wine Fair of Langhe, Roero and Monferrato”.

This year is held the 41st edition, in the city center of Alba:

From 10:30 AM, at different points around the streets, you can taste, according to the possessed wine tasting carnet, a prestigious selections of local Wines and discover their smells, their aromas and the stories behind them, assisted by the AIS (Italian Sommelier Associations) guides that will accompany us through this suggestive sensory path;

From 11:45 AMit will be possible to take participate in a workshop about flavors and traditions of Piedmont, a sensory analysis of wines and cheeses of Langhe, led by ONAF  (Italian National Organizations of Cheese Tasters) experts.
Theme of the day: Dolcetto d’Alba 2016 – Barbera d’Alba 2016 / Fresh cheeses;

Although the wine-children union is not immediate, children will also be involved in activities with the particular intent of enhancing the Territory and the cultural heritage that this constitutes, through the most enjoyable learning method: the Game!

So, parents, do not worry too much about your kids, rather indulge in the sweetness of VINUM on its last day.

BEYOND WINE:

  • FOOD
    Also from 10:30 AM, we can treat ourselves to some culinary delights: the stands dedicated to Piedmont’s Gastronomic traditions are scattered around the city (between Piazza Garibaldi, Piazza Risorgimento, the Maddalena Courtyard and Piazza Ferrero);
  • EXHIBITIONS
    Between the tasting of a good wine and a plate of Agnolotti stuffed with Fasone meat it is also good to spend some time in both museum and Exhibitions organized during the event, among them:
  • “The art of soundtrack” is an exhibition dedicated to the vinyl of the movie soundtracks, especially those of Italian film production;
  • “Alba Sotterranea” is a visit to discover the underground wonders of the city, led by an archaeologist who will illustrate the Roman and medieval remains of the city.

FINAL CONSIDERATIONS:
VINUM is a recommended event for both wine lovers and those who want to spend a pleasant day with friends, especially for the affordable cost of the event (16 euros for the complete Carnet 16 + 2 tastings) and considering the small and lovely dimensions of Alba moving between the various stands spread around the city center is more than simple!
Very Approved!

TASTED WINE:

Have a nice stay,
without drinking too much!

 


Primo Maggio:
Lo sappiamo tutti, nel panorama enologico, le Langhe stanno all’Italia come la regione di Bordeaux sta alla Francia, ed un posto tanto produttivo quanto suggestivo come queste belle colline (Patrimonio dell’Umanità dal 2014) non può che  ospitare la “Fiera Nazionale dei vini delle Langhe, Roero e Monferrato”.

Quest’anno si tiene la 41esima edizione, nel pieno centro cittadino di Alba:

Dalle ore 10:30, in più punti in giro per le stradine sarà possibile degustare, in base al carnet posseduto, una selezione prestigiosa di vini del territorio, scoprendone così gli odori, gli aromi e le storie che li circondano grazie alla guida a cura dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier) che ci accompagnerà attraverso questo suggestivo percorso sensoriale;

Dalle ore 11:45 sarà invece possibile partecipare ai workshop di approfondimento sui sapori e le tradizioni del Piemonte, un’analisi sensoriale sull’accostamento vini e formaggi delle langhe, guidati da esperti dell’ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi).

Tema del giorno: Dolcetto d’Alba 2016 – Barbera d’Alba 2016 / Formaggi freschi;

Anche se il connubio vino-bambini non è immediato, anche per i bimbi saranno organizzate delle attività col particolare intento di valorizzazione del Territorio e del patrimonio culturale che questo costituisce attraverso il metodo di apprendimento più piacevole: il Gioco!

Quindi, genitori, non preoccupatevi troppo per i vostri bambini, piuttosto concedetevi il dolce sfizio del VINUM nella sua ultima giornata.

OLTRE AL VINO:

  • CIBO
    Sempre dalle ore 10:30 sarà possibile concederci qualche sfizio mangereccio: sparsi anche questi per la cittadina (fra Piazza Garibaldi, Piazza Risorgimento, il Cortile della Maddalena, e Piazza Ferrero) si troveranno gli stand dedicati ai sapori della tradizione gastronomica piemontese;
  • MOSTRE
    Tra la degustazione di un buon vino e l’assaggio di un piatto di agnolotti ripieni di carne di Fassone è anche bene dedicare un po’ di tempo sia ai musei cittadini, sia alle mostre che accompagnano la manifestazione, fra queste:
  • “The art of soundtrack” una mostra dedicata ai vinili delle colonne sonore del cinema, in particolare quelle della produzione cinematografica italiana;
  • “Alba Sotterranea” una visita alla scoperta delle meraviglie sotterranee della città, guidata da un antropologo che illustrerà i resti romani e medievali della città.

CONSIDERAZIONI FINALI:
VINUM è una  manifestazione stra consigliata sia per gli amanti del vino sia per chi vuole passare una piacevole giornata con gli amici, gustando, tra un paio di chiacchiere, i magnifici vini del Piemonte, questo soprattutto per il costo abbordabile della manifestazione (16 euro per il carnet da 16 + 2 degustazioni). Il fatto, poi, che Alba di un’adorabile cittadina a passo d’uomo, agevola tantissimo lo spostamento tra gli spot in cui sono disposti i vari stand.
Stra approvato!

VINI ASSAGGIATI:

Have a nice stay,
ma senza bere troppo!