Slow Fish, our tiny odyssey among world’s seas

(Right below the Italian text)

Genoa’s Porto Antico, 18-21 May:

When I reflect on the meaning of Slow Fish, I usually think of the lyrics of De André Talking, it is a short reflection called “Idioma”, about languages, used to introduce a Song Called “ ‘A Pittima” (from the Album Creuza de mä), entirely sung in the Genoa’s dialect.

“[…] It is well known that losing the language, the people, as well as losing their culture probably lost also a bit of dignity.”

As for the language, for the peoples of the sea, sailors whose cuisine smell of salty water, lose their gastronomic culture with their scents, and the flavors of freshly caught fish corresponds to the loss of identity and dignity, so the songwriter continues with:

“[…] Defending ethnic culture also means defending ethnic cultures […]”

And in this odyssey from the seas of the world that is Slow Fish 2017, which motto is “We are the Net”: producers, fishermen, cooks, educators, researchers will meet, sharing, through events, knowledge of the importance of Fish consumption on health and the effects of fishing on marine ecosystems through simple and pleasing languages: for example by telling these concept and issues to the visitors through the typical dishes of the gastronomic tradition, prepared using fish on which the solid bases of Mediterranean cuisine and all the Other people of the sea.

Among the events that will take place among the stands at Porto Antico in Genoa, the ones we surely prefer are the foodie events held by the various exhibitors who, through taste labs, expect, in addition to the tasting of typical regional products Including the choice of taste and territory, the fish chain and the importance of the presence of fish in the diet, offering guests tastings.In the stands of the Slow Food house, there are a series of workshops where cooks from the Slow Food alliance will demonstrate the art of preparing some of their dishes.

Among the events that will take place among the stands at Porto Antico in Genoa, those who surely like the most are those foodie events, held by the various exhibitors who, through taste labs, provide, besides the tasting of typical regional products also lessons about the territory, the fish chain and the importance of the presence of fish in the diet.In the Slow Food house stand, there are a series of workshops where cooks from the Slow Food alliance will demonstrate the art of preparing some of their dishes.

Wandering around the port, then, it is not difficult to find yourself in front of one of the many artisan brewery from all over Italy (just as it is not so easy to resist the temptation to try them all). Wine also plays its role in this event: in addition to the exhibitors who bring the wine from their region, the “sails” of Bigo, on Piazza delle Feste, can be found in the Enoteca Slow Wine, rich in bottles coming from all over Italy.

SMALL FINAL CONSIDERATIONS:
For those who like to discover the gastronomic cultures of the various countries / regions of Italy, Slow Fish is the suitable event: this small odyssey undertaken among the world’s seas is the best way to learn about the complexities, flavors and aromas of These cultures in a pleasant mix of food and education (well accompanied by scented craft beer).

It’s worth listening to De André’s Talking. Here it is!
(Despite in Italian)

Have a nice stay,
and a nice plate of fried fish!


Porto Antico di Genova, 18-21 Maggio:
Quando rifletto sul significato di Slow Fish non posso che pensare a dei versi di un Talking di De André, una riflessione chiamata Idioma, raccontata per introdurre ai concerti la canzone ” ‘A Pittima”, una delle perle di Creuza de mä, album interamente cantato in genovese:

“[…]E si sa benissimo che perdendo la lingua, un popolo, oltre che perdere la propria coltura perde anche probabilmente un po’ di dignità.”

Così come per la lingua,  per i popoli del mare, navigatori la cui cucina profuma di mare, smarrire una cultura, quella gastronomica della tradizione coi suoi profumi, ed i sapori del pesce fresco appena pescato, corrisponde alla perdità di identità, di dignità, quindi  il cantante continua con:

“[…]Difendere la cultura etnica vuol dire difendere anche al plurale le culture etniche. […]”

Ed in questa odissea tra i mari del mondo che Slow Fish 2017 rappresenta, il quale motto è “La rete siamo noi”, produttori, pescatori, cuochi, educatori, ricercatori si incontreranno, condividendo, attraverso eventi, le conoscenze sull’importanza effetti del consumo del pesce sulla salute e sugli effetti della pesca sugli ecosistemi marini attraverso dei linguaggi semplici e piacevoli, ad esempio raccontandoli ai visitatori attraverso i piatti tipici della tradizione gastronomica, cucinando i pesci sui quali sono sorte le solide base della cucina mediterranea e di tutti gli altri popoli di mare.

Tra gli eventi che si terranno tra gli stands sparsi per il Porto Antico di Genova, quelli che sicuramente ci fanno gola (letteralmente) ci sono quelli mangerecci, tenuti dai vari espositori che, attraverso laboratori del gusto, prevedono, oltre all’assaggio di prodotti tipici regionali anche delle lezioni sul gusto ed il territorio, sulla filiera ittica e sull’importanza della presenza di pesce nella dieta.
Negli stands della casa Slow Food, invece si tengono una serie di Workshop, in cui, ai fornelli, i cuochi dell’alleanza Slow Food, dimostreranno l’arte della preparzione di alcune loro pietanze.

Girovagando per il porto, poi, non è difficile ritrovarsi di fronte ad uno degli stand dei tanti birrifici artigianali provenienti da tutt’Italia (così come non è altrettanto semplice resistere alla tentazione di provarle tutte quante). Anche il vino, in questa manifestazione, gioca il suo ruolo: oltre agli espositori che offrono quello proveniente dalla propria regione, sotto le “vele” del Bigo, in Piazza delle Feste, è possibile trovare l’Enoteca Slow Wine, ricca di bottiglie fregiate della chioccioline provenienti da tutt’Italia.

PICCOLE CONSIDERAZIONI FINALI:
Per chi ama scoprire le culture gastronomiche dei vari paesi/regioni d’Italia, Slow Fish è la manifestazione adatta: questa nostra piccola odissea intrapresa fra i mari del mondo è il modo migliore per imparare a conoscere le complessità, i sapori ed i aromi di queste culture in un piacevole connubio di cibo ed educazione (ben accompagnato da birre artigianali profumate).

Che piaccia o meno l’autore, vale la pena concedersi il gusto di ascoltare il Talking di De André. Eccovelo qui!

Have a nice stay,
ed un piacevole piatto di frittura di pesce!

VINUM, what to know, and what you can not miss the last day.

(Right below the Italian text)

1st May:
We all know that, in the wine-making scene, in Italy the Langhe region has the same importance as the Bordeaux region for France, and only a place such productive and suggestive as these marvelous hills (Word Heritage since 2014) can hosts the “National Wine Fair of Langhe, Roero and Monferrato”.

This year is held the 41st edition, in the city center of Alba:

From 10:30 AM, at different points around the streets, you can taste, according to the possessed wine tasting carnet, a prestigious selections of local Wines and discover their smells, their aromas and the stories behind them, assisted by the AIS (Italian Sommelier Associations) guides that will accompany us through this suggestive sensory path;

From 11:45 AMit will be possible to take participate in a workshop about flavors and traditions of Piedmont, a sensory analysis of wines and cheeses of Langhe, led by ONAF  (Italian National Organizations of Cheese Tasters) experts.
Theme of the day: Dolcetto d’Alba 2016 – Barbera d’Alba 2016 / Fresh cheeses;

Although the wine-children union is not immediate, children will also be involved in activities with the particular intent of enhancing the Territory and the cultural heritage that this constitutes, through the most enjoyable learning method: the Game!

So, parents, do not worry too much about your kids, rather indulge in the sweetness of VINUM on its last day.

BEYOND WINE:

  • FOOD
    Also from 10:30 AM, we can treat ourselves to some culinary delights: the stands dedicated to Piedmont’s Gastronomic traditions are scattered around the city (between Piazza Garibaldi, Piazza Risorgimento, the Maddalena Courtyard and Piazza Ferrero);
  • EXHIBITIONS
    Between the tasting of a good wine and a plate of Agnolotti stuffed with Fasone meat it is also good to spend some time in both museum and Exhibitions organized during the event, among them:
  • “The art of soundtrack” is an exhibition dedicated to the vinyl of the movie soundtracks, especially those of Italian film production;
  • “Alba Sotterranea” is a visit to discover the underground wonders of the city, led by an archaeologist who will illustrate the Roman and medieval remains of the city.

FINAL CONSIDERATIONS:
VINUM is a recommended event for both wine lovers and those who want to spend a pleasant day with friends, especially for the affordable cost of the event (16 euros for the complete Carnet 16 + 2 tastings) and considering the small and lovely dimensions of Alba moving between the various stands spread around the city center is more than simple!
Very Approved!

TASTED WINE:

Have a nice stay,
without drinking too much!

 


Primo Maggio:
Lo sappiamo tutti, nel panorama enologico, le Langhe stanno all’Italia come la regione di Bordeaux sta alla Francia, ed un posto tanto produttivo quanto suggestivo come queste belle colline (Patrimonio dell’Umanità dal 2014) non può che  ospitare la “Fiera Nazionale dei vini delle Langhe, Roero e Monferrato”.

Quest’anno si tiene la 41esima edizione, nel pieno centro cittadino di Alba:

Dalle ore 10:30, in più punti in giro per le stradine sarà possibile degustare, in base al carnet posseduto, una selezione prestigiosa di vini del territorio, scoprendone così gli odori, gli aromi e le storie che li circondano grazie alla guida a cura dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier) che ci accompagnerà attraverso questo suggestivo percorso sensoriale;

Dalle ore 11:45 sarà invece possibile partecipare ai workshop di approfondimento sui sapori e le tradizioni del Piemonte, un’analisi sensoriale sull’accostamento vini e formaggi delle langhe, guidati da esperti dell’ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi).

Tema del giorno: Dolcetto d’Alba 2016 – Barbera d’Alba 2016 / Formaggi freschi;

Anche se il connubio vino-bambini non è immediato, anche per i bimbi saranno organizzate delle attività col particolare intento di valorizzazione del Territorio e del patrimonio culturale che questo costituisce attraverso il metodo di apprendimento più piacevole: il Gioco!

Quindi, genitori, non preoccupatevi troppo per i vostri bambini, piuttosto concedetevi il dolce sfizio del VINUM nella sua ultima giornata.

OLTRE AL VINO:

  • CIBO
    Sempre dalle ore 10:30 sarà possibile concederci qualche sfizio mangereccio: sparsi anche questi per la cittadina (fra Piazza Garibaldi, Piazza Risorgimento, il Cortile della Maddalena, e Piazza Ferrero) si troveranno gli stand dedicati ai sapori della tradizione gastronomica piemontese;
  • MOSTRE
    Tra la degustazione di un buon vino e l’assaggio di un piatto di agnolotti ripieni di carne di Fassone è anche bene dedicare un po’ di tempo sia ai musei cittadini, sia alle mostre che accompagnano la manifestazione, fra queste:
  • “The art of soundtrack” una mostra dedicata ai vinili delle colonne sonore del cinema, in particolare quelle della produzione cinematografica italiana;
  • “Alba Sotterranea” una visita alla scoperta delle meraviglie sotterranee della città, guidata da un antropologo che illustrerà i resti romani e medievali della città.

CONSIDERAZIONI FINALI:
VINUM è una  manifestazione stra consigliata sia per gli amanti del vino sia per chi vuole passare una piacevole giornata con gli amici, gustando, tra un paio di chiacchiere, i magnifici vini del Piemonte, questo soprattutto per il costo abbordabile della manifestazione (16 euro per il carnet da 16 + 2 degustazioni). Il fatto, poi, che Alba di un’adorabile cittadina a passo d’uomo, agevola tantissimo lo spostamento tra gli spot in cui sono disposti i vari stand.
Stra approvato!

VINI ASSAGGIATI:

Have a nice stay,
ma senza bere troppo!

ITINERARI – TORINO – ESCURSIONI URBANE PER INNAMORARSI DELLE VILLE SUI COLLI E DEI CASTELLI SUL FIUME

Uno degli aspetti più interessanti di Torino è il suo essere variegata.
Ma sì, variegata, variegata, proprio come fosse un gelato, questa è sicuramente la parola che descrive meglio la città. Gli ampi spazi verdi sparsi in tutta la città spaccano la monotonia urbana ed il dorso alberato della Collina torinese sfuma completamente il piattume cittadino, rendendo tutto vivo e colorato.
Torino è variegata a tal punto che da una passeggiata in centro puoi anche ritrovarti a fare escursioni per i colli, godendo di una vista mozzafiato della città cinta in un abbraccio dalle alpi.


Punto Primo – Nella piazza NON più grande di Torino

Be’ sicuramente piazza Vittorio Veneto non sarà la piazza più grande d’Europa, come molti continuano affermare, (anche se,in effetti, non è nemmeno la più grande della città)  ma è una di quelle piazze in cui, una volta scovata durante una passeggiata, ci si ritrova ad ammirare compulsivamente a destra ed a sinistra la spettacolare geometria ed armonia dei palazzi che ne costituiscono il perimetro e la Gran Madre che, dall’altro lato del Po, veglia sulla piazza.

La vera bellezza di questa piazza, però, è la sua vita. Di giorno viene attraversata da tantissime persone: gente che va a lavoro, studenti diretti a scuola, scolaresche in gita,  ciclisti, turisti intenti a fotografarla cercando la giusta angolazione per catturare anche il vertice della Mole. Alla sera, invece, si popolano i locali sotto i portici, la piazza si riempie di giovani, di studenti e si può ammirare una meravigliosa vista della Gran Madre di Dio splendidamente illuminata.

Una volta attraversato il ponte Vittorio Emanuele I ci si ritrova di fronte ad una delle chiese più affascinanti della città: la Gran Madre di Dio dallo stile fortemente neoclassico ispirato al Pantheon di Roma che venne fatta costruire durante la restaurazione per festeggiare la fuga dei francesi ed il ritorno della monarchia sabauda. (così come recita l’epigrafe sul timpano)

ORDO POPVLVSQVE TAVRINVS OB ADVENTVM REGIS
“La nobiltà e il popolo di Torino per il ritorno del re”

La chiesa-tempio è rialzata, posta in cima ad una scalinata ai quali lati si trovano due statue raffiguranti: Fede, alla sinistra, una donna che tiene sulla destra un libro aperto ed alza un calice con la sinistra, accopagnata da un angelo, e Religione, alla destra, coperta da un manto che porta una grossa croce latina, accompagnata da un giovane inginocchiato che le porge delle tavole di pietra bianche; all’esterno il timpano viene sorretto da dei capitelli corinzi che rimarcano fortemente i lineamenti neoclassici, poste in due nicchie ai lati del portone si trovano, invece, due statue di santi.

Al suo interno, invece, la cupola è decorata con degli spettacolari cassettoni floreali, al di sotto,  una serie di bassorilievi narra la vita della vergine.
Nei basamenti della chiesa si trova l’ossario militare dei caduti torinesi durante la I Guerra Mondiale che raccoglie le spoglie di oltre 5000 soldati.

Curiosità: secondo molte leggende la chiesa-tempio sarebbe un luogo fortemente esoterico punto d’incontro dei vertici del triangolo della magia bianca e nera.
Inoltre le leggende narrano che la statua della Fede, posta al lato della scalinata, raffiguri la madonna stessa che innalza sulla mano sinistra il sacro Graal indicando il suo nascondiglio.
Quindi, perché no? non sarebbe male cominciare a cercare.


Punto Secondo – Residenze estive e Vigne urbane

Costeggiando il fianco sinistro della chiesa-tempio, proseguendo per una salita avvolta da alcune belle palazzine di gusto liberty, si raggiunge una delle tante residenze reali di casa Savoia attorno a Torino: la Villa della Regina.

Gli interni della villa non sono di certo fra i più grandi tra tutti quelli delle altre residenze reali, ma sicuramente gli stratagemmi che riescono a rendere il suo aspetto ancora più ampio sono fra i più ingegnosi: in assenza di spazio (e di denaro) i proprietari, secondo i consigli e l’estro dell’architetto Filippo Juvarra, non ornarono gli interni di statue, colonnati ed altri fregi ma fecero affrescare le pareti del salone principale con dei Trompe l’œil non ingombranti (e costosi) ma che, dipinti ad arte, riescono a  rendere, agli ospiti, la percezione di trovarsi in un’ampio salone da festa (sensazione aumentata persino dalle porte a vetri che s’aprono sul Grand Rondeau del maestoso giardino all’italiana.
Quest’ultimo, posto sul retro della villa, viene nascosto dal prospetto stesso dell’edificio ed è rialzato rispetto al piano d’ingresso. E’ strutturato secondo una caratteristica forma ad anfiteatro e rispecchia la “filosofia religiosa” del primo padrone di casa, il cardinale Maurizio di Savoia, infatti le sue passeggiate simboleggiavano l’elevazione al cielo (il belvedere posto in cima al giardino) dunque le scalinate rappresentavano la tortuosità del cammino della vita, i bivi le scelte affrontate dall’uomo e le panche, invece, dei luoghi di pausa dove meditare le proprie scelte. Una volta affrontato il cammino, raggiunto il belvedere ci si può innamorare della vista panoramica di Torino, delle vigne sul fianco della collina e del giardino nella sua completezza, dominato dal Grand Rondeau, ornato da statue delle divinità fluviali.

Tra le stanze all’interno della villa, quelle più particolari sono certamente i gabinetti cinesi, dei piccoli uffici addobati con legni laccati, vasellame, ventagli e pregiate carte da parati che imitavano i gusti orientali da cui tutti, tra il sette e l’ottocento erano affascinati, ma che paradossalmente si discostavano da quella che era la vera arte orientale. Sono infatti opere di artigiani italiani che interpretavano le storie dei viaggiatori e dei commercianti che tanto affascinavano le nobiltà occidentali.

Ma la più grande particolarità della villa, tralasciando quelle già narrate, è la vigna che dolcemente accompagna il fianco della collina adiacente. Si narra di una tradizione di oltre quattrocento anni voluta dallo stesso cardinale in cui adesso cresce la varietà Freisa per la produzione di Freisa di Chieri, vino tipico della zona metropolitana di Torino.
Una delle rare e stupende vigne DOC urbane sparse per il mondo.

Informazioni pratiche: La villa apre tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 10 alle 17 (18 alla domenica). *Possibili variazioni per i festivi*
Biglietto intero  € 5  
Ridotto €  2.50


Punto Terzo – Sui colli panoramici

Proseguendo la passeggiata in collina, tra le belle abitazioni che costeggiano la strada immersa nel verde, ci si ritrova proprio sotto la collina che sovrasta la città: il Monte dei Cappuccini.

Il colle è dominato dalla chiesa e dal convento (dei cappuccini, appunto) costruito secondo progetto in stile manierista ma completato e perfezionato in periodo barocco, che quindi risulta lo stile dominante dell’edificio.
Ma è nel piazzale antistante alla chiesa che si può godere della vera bellezza del colle: la sua posizione panoramica concede agli occhi dei visitatori una magnifica veduta di Torino, troneggiata dalla maestosità della Mole Antonelliana ed cinta in un abbraccio dalle alpi con vetta ancora innevata.

Discendendo il colle, dirigendosi verso Corso Moncalieri, il lungo fiume, è possibile trovare alcune ville classicheggianti, ornate da statue delle ninfe, vasi in pietra e dagli alberi fioriti della primavera.


Punto Quarto – Memorie dalle Esposizioni Nazionali

Il lungofiume che costeggia corso Moncalieri è sempre popolato di persone che praticano jogging, famiglie, cani e lettori sognanti che amano vivere le pagine delle loro storie seduti sotto un albero, su una panca che fronteggia il Castello del Valentino, e che si concedono, di tanto in tanto, qualche sguardo al castello, alle persone ed ai canottieri che si allenano vogando sul fiume Po. Non esiste davvero nulla di meglio che spendere un po’ di tempo libero passeggiando per quel lungofiume.

Attraversando il romantico Ponte Principessa Isabella, che, adorno di grandi rosoni, risplende ancora della bellezza ottocentesca, si raggiunge il parco del Valentino, nei pressi del Borgo Medievale.
Il complesso di edifici non appartiene realmente alla storia torinese (o almeno non del tutto) esso, infatti, fu un padiglione, costruito nel 1884, dell’Esposizione Generale Italiana e che, come alcune delle bellezze fatte costruire durante le esposizioni Nazionali/Universali, rimase parte del patrimonio della città (insomma, facendo un paragone,  una sorta di Tour Eiffel della città. Forse molto, troppo alla lontana).
Gli edifici costruiti riproducono fedelmente un villaggio medievale: sono disposti attorno una rocca e si ispirano tutti quanti alle architetture tipiche dei borghi e castelli del Piemonte e della Valle d’Aosta. Ancora oggi, visitandolo, è possibile visitare le botteghe artigianali che pare sian presenti dalla sua fondazione.

Consigli: Con il ritorno della primavera, circa una volta ogni metà del mese, al Borgo, la domenica mattina, si tiene il “Mercato dell’eccellenza artigiana” in cui vengonon presentati i prodotti tipici artigianali ed il Borgo viene inondato
da profumi dolci e speziati di cui facilmente ci si innamora.
Ecco le date!


Punto Quinto – Lasciarsi coccolare dall’Ambiente

Ritrovarsi a passeggiare al Parco del Valentino è uno dei passatempi preferiti dei torinesi, durante il weekend, nelle giornate soleggiate; il parco è uno dei tantissimi polmoni verdi della città, ricco in vegetazione e nella fauna (Numerose sono soprattutto le specie di uccelli che si possono trovare al parco)
Al suo interno vi sono diversi giardini ricchi di aiuole fiorite, statue, panche in cui godersi la tranquillità e persino piccoli corsi d’acqua, laghetti colmi di papere, e cascate, come nel caso del giardino montano e di quello roccioso.

Il Castello del Valentino, che troneggia sul fiume Po, quasi come se lo vegliasse, fu una delle residenze estive della casa Savoia (Già, ne avevan davvero tante/troppe). La sua architettura ricorda tantissimo quella dei castelli e delle regge francesi, e proprio a quelli la Mecenate Maria-Cristina di Borbone si ispirava quando fece restaurare il palazzo, e la sua forma di ferro di cavallo, l’ampia corte al suo interno, le quattro torri poste agli angoli dal il tetto acuto “alla francese” di colore blu intenso ne aiutano l’associazione, d’altronde la Madama Reale Maria-Cristina di Borbone era pur sempre figlia del Re Enrico IV di Francia e di sua moglie Caterina de’ Medici.
Dal 1997 il Castello entra a far parte dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO ed al suo interno si svolgono le lezioni dei corsi di laurea di Architettura (Be’, quale posto migliore?!).

Lasciatevi coccolare dall’ambiente circostante: stendete un telo sulle spiagette affacciate sul fiume e godetevi un picnic in compagnia sotto al sole, portate il vostro cane a scorazzare e giocare oppure godetevi un pranzetto in uno dei ristorantini che affacciano la propria terrazza a ridosso del Po.

Curiosità: Questo è uno dei luoghi in città in cui è possibile scovare i piccoli Scoiattoli Rossi (specie ormai a rischio in Piemonte)  che hanno fatto del parco la loro casa e che,
malgrado quest’ultimo sia molto popolato dagli uomini, non si fannno
troppi scrupoli a scodinzolare per il parco in cerca di ghiande.
Provate pure ad avvicinarne qualcuno donandogli una ghianda!

Have a nice stay!

Itinerari – LAGO D’ORTA – Un weekend per rilassarsi esplorando le località rivierasche

Concedersi un Weekend alle volte è davvero necessario, soprattutto quando il lavoro intenso si va pian piano alleviando e le giornate cominciano ad essere più luminose, soleggiate e calde, dedicarsi una gita fuori porta risulta essere l’opportunità migliore per rilassarsi e scaricare lo stress accumulato. La riviera di San Giulio è uno dei posti più affascinati qui, nell’alto Piemonte per evadere un paio giorni. Godiamoci quindi una calma esplorazione della bellezza nelle località rivierasche in una veste pre primaverile scoprendone le affascinanti curiosità, i colori i suoni e, perché no, i silenzi.
Cominciamo per punti:

Punto Primo – “Ponti lunghi un sorriso

L’itinerario comincia da qui, da Omegna, il paese più grande che si affaccia sull’estremità nord della riviera di San Giulio.
Alla cittadina, molto fiera di aver dato i natali a Gianni Rodari, il pedagogista poeta scrittore di racconti per bambini, piace tenere memoria dei racconti da lui scritti tramite un sacco di parco giochi per bambini che assumono proprio la forma, la trama, il concetto dei suoi racconti, viene ricordato persino con le figure che  ritraggono i loro protagonisti, sparse qui e lì tra i colorati palazzi della cittadina.

Super interessante, inoltre è il complesso del forum di Omegna che promuove la memoria sulla civiltà industriale e l’identità del territorio con una collezione permanente di opere che viene affiancata spesso da altre mostre ed esposizioni temporali.

Punto Secondo – Il lungolago di Pettenasco

Pettenasco è uno di queli luoghi al quale è necessario dedicare una piccola fetta di mattina, non troppo sottile ma nemmeno tanto grossa (Insomma, non c’è poi così tanto da fare/vedere).
La passeggiata costeggia un calmo specchio d’acqua che, nelle giornate più belle, luminose fonde i colori azzurri e bianchi del cielo cosparso qua e là di nuvolette coi riflessi colorati delle piante e delle barchette ormeggiate, alcune ricordano persino i toni tipici degli scorci cubani.

La domenica mattina, a metà mattinata, il lungolago è ricco di vita, ma non si incontrano affatto turisti né tantomeno  ragazzini o bambini, forse solamente qualche personaggio dedito a fare i lavori di giardinaggio, quelli soliti della domenica mattina. Per il resto, la riva  brulica di vita ed i suoi abitanti scorrazzano indisturbati tra le spiagge e le acque del lago, costruendo il proprio nido per la primavera e sbatacchiando le piume di qua e di là.
E’ un luogo perfetto per rilassarsi, svegliarsi, scattare qualche fotografia o, semplicemente godersi la venuta della primavera.

Punto Terzo – Dai toni Moreschi

Tutti quanti (o, per lo meno, molti) avranno sicuramente, visto/sentito parlare di Villa Crespi, il Relais, ristorante la quale cucina è affidata alle mani del Cuoco napoletano Antonino Cannavacciuolo, famoso oltre che per le sue opere culinarie, anche per essere protagonista di alcuni show di intrattenimento televisivi.
Io, in effetti, non saprei minimamente parlarvi del lato enogastronomico di Villa Crespi ma penso che qualcuno lo sappia fare sicuramente meglio di me.
Voglio comunque scrivere della bellezza che si osserva guardando questo edificio stupendo al passaggio.
Tanto magnifico quanto accuratamente fuori-luogo. 
Ma, attenzione, non in senso negativo, affatto. Questo edificio in stile moresco, ricco di decori colorati, di finestre dai toni arabeggianti che viene sovrastato da un alto minareto si colloca perfettamente su un’altura, verso il lago, tra le altre ville “canoniche”: lascia di stucco ogni visitatore. E deve averlo fatto per un secolo almeno, considerato tutti gli illustri personaggi che ambivano soggiornarla, tra i quali poeti, industriali, aristocratici tra i quali persino Umberto I di Savoia, il re d’Italia.
In realtà la villa nasce per il volere di un imprenditore tessile, Cristoforo Crespi, che desiderava una residenza estiva capace di ammaliare ospiti e visitatori con i suoi decori mediorientali, gli stessi dai quali lo stesso Crespi rimase affascinato durante i suoi viaggi.

Orta San Giulio

Il piccolo borgo di Orta san Giulio si fregia d’essere uno dei borghi più belli d’Italia e certamente lo dimostra senza alcun torto. Si rivela uno di quei luoghi che hanno la capacità di legarsi alla memoria, in grado di essere rievocati con un semplice gesto, un’evasione della realtà, il rilassarsi durante una pausa, ad esempio, quasi come le soffici madeleines erano capaci di riportare alla memoria l’infanzia di Proust.

Punto Quarto –  Il cortile sul lago
Scendendo la scalinata che divide la strada alta dal paese si raggiunge il cuore di Orta San Giulio:  qui ci accoglie il prospetto della chiesa di San Rocco, piccina, con pochi banchi da preghiera al suo interno, costruita in nome del Santo per volere dei cittadini sopravvissuti alla peste degli inizi del XVII secolo.


Una volta fuori, ci si ritrova in via Olina, una strada viva di persone, di turisti, dai bei negozietti (Artigiani, ceramisti) e piccole caffetterie, che viene cinta ai suoi lati dai palazzi nobiliari e dalle ville che si affacciano lul lago e che ne rendendono quasi impossibile la vista, se non per qualche scorcio aperto dai vicoletti ciottolati che separano le belle abitazioni e che culminano in piccoli imbarcadero sul lago.
Fortunatamente, alcuni palazzi sono visitabili ed aprono al visitatore scorci ancor più belli, magici, sul lago

Uno di questi è il palazzo nobiliare della famiglia Bossi-Novara (oggi l’attuale sede del comune) costruito secondo una caratteristica forma ad “elle” che affaccia il suo lato più lungo su via Olina e si spinge verso il lago con uno splendido cortile fiorito, con una delle viste più suggestive dell’isola d’Orta, che viene studiata dalla statua bronzea di un pittore.

Punto Quinto – Il salotto, il broletto e la Motta

Piazza Motta è il salotto della città, viene circondata su tre lati da palazzi che ospitano al piano terra le terrazze dei locali dai quali tavoli si può godere, pranzando o, semplicemente, bevendo un caffé in compagnia, di una meravigliosa veduta dull’isola.
Dall’imbarcadero della piazza è possibile prendere il traghetto che, periodicamente, accompagna sull’isola San Giulio.
Sul lato sinistro della piazza (dando le spalle all’isola) si nota il broletto, un edificio su un piano interamente porticato al piano terra, dove anticamente veniva ospitato il mercato ed, al piano di sopra (accessibile attraverso una scala esterna) in una sala di riunione, si eseguiva il potere legislativo.


La salita che fronteggia il broletto viene chiamata la Motta anch’essa ricca di palazzi nobiliari ai suoi lati: alla sua destra la casa dei nani chiamata così per le quattro finestre piccoline poste sopra l’architrave, seguito più in là dal palazzo Gemelli dalla facciata tardorinascimentale che, alle sue spalle, nasconde uno splendido giardino all’italiana disposto su più terrazze nel quale spesso vengono organizzati eventi o matrimoni.
Di fronte al palazzo Gemelli, si staglia la settecentesca facciata  neoclassica del palazzo Penotti Ubertini nel quale vengono di tanto in tanto organizzate anche mostre d’arte.
In cima alla Motta spicca la chiesa di Santa Maria Assunta, della fine del XV secolo ma dalla fisionomia settecentesca.

Alla destra della chiesa di Santa Maria Assunta una stradina continua alla salita, accompagnando il visitatore sino allo storico cimitero di San Quirico, attraversando tutte le ville collinari, dalle quali, di tanto in tanto, si aprono splendidi punti di vista del borgo nella sua interezza.

Punto Sesto – Tra i draghi ed i serpenti
Se nel IV secolo raggiungerla sarebbe stato probabilmente difficolotoso e poche persone sarebbero state disposte a traghettarvi in questo luogo abitato da draghi e serpenti, per raggiungerla avreste dovuto, come San Giulio, stendere il vosto mantello sulle acque e navigare su di esso.
Ma adesso, fortunatamente, le cose sono molto cambiate e raggiungerla non è poi così difficoltoso, ci sono dei traghetti che, periodicamente, vi trasporterebbero da una riva all’altra in meno di dieci minuti ( e pensate che non sarebbe nemmeno più necessario scacciare ed uccidere i draghi ed i serpenti come fece il Santo).
Leggenda narra che, una volta uccisi quei mostri, San Giulio fondò le basi della sua chiesa, come richiesto dall’imperatore Teodosio, e tutt’attorno, nel tempo, venne edificato tutto un intero complesso abitato diventando anche un baluardo di difesa per Willa di Tuscia, moglie di Berengario di Ivrea, che, rifugiata sull’isola, ebbe il vigore di resistere due mesi, all’assedio prima di arrendersi per carenza di risorse. (L’imperatore Ottone I del Sacro Romano Impero, molto ammaliato dal coraggio della donna, le permise di mettersi in salvo).
L’isola è avvolta da una strada principale che ne percorre il perimetro costeggiando le ville ed invitando gli ospiti alla meditazione ed all’ascolto del silenzio.
Tra le ville più antiche, la settecentesca villa Tallone accoglie ogni anno dei concerti di musica classica.

Have a nice stay!

Itinerari – PALERMO – 8 luoghi per esplorare la Kalsa ed innamorarsene

Ci siamo ritrovati tutti in questa situazione, insomma quello che intendo dire è che, a tutti noi, tampasiando per le soleggiate strade palermitane, è capitato di perderci.
E’ normale, nella storia della città non ci sono mai stati (fortunatamente) grandi urbanisti, come il Barone Hausmann per Parigi, capaci di smontare l’intera città e di riorganizzarla in grandi viali alberati; perciò non è troppo difficile che, spinti dal profumo di caffè appena torrefatto o da quello di un sontuoso pranzetto in preparazione, si prenda l’iniziativa (l’alzata d’ingegno) di esplorare e ci si perda per  le stradine, che come una matassa malaggrovigliata articolano il cuore della città. Ma tranquilli, quel che rimane fare in questi casi non è altro che chiedere informazioni, ed una volta trovato un passante disposto ad offrircele, questo, alla domanda:”Mi scusi, mi sa dire dov’è che mi trovo?”, risponderà probabilmente con un suono breve, conciso, con un carattere che definirei minimalista dicendo:”In centro”. Ed è proprio quando, ancora sgomenti per la risposta ricevuta, continuate a camminare in cerca di un luogo familiare che vi rendete conto di necessitare un itinerario

Ecco, vedete, in effetti non è sempre necessario un itinerario quando si viaggia, ma è sempre comodo conoscere i luoghi che si stanno visitando, trovo infatti che  percepire meglio ciò che abbiamo attorno sia una delle chiavi di lettura dell’esplorazione.
Ma cominciamo per punti:


Punto Primo – Teatro del Sole
Ci troviamo quindi a Piazza Vigliena, che prende il suo nome dal viceré spagnolo Villena.
E’ un crocevia molto, troppo particolare,  ed è il soprannome “Teatro del Sole” ce lo conferma.
La piazza di forma ottaedrica, punto d’incontro tra il Cassaro e Via Maqueda, è congeniata in modo da accogliere, durante tutto l’arco della giornata, la luce solare, che risplende sulla facciata di dei quattro palazzi che ne delimitano il perimetro e che non li abbandona fino al crepuscolo.
In queste facciate vengono rappresentati, con statue e fontane: le stagioni, i sovrani spagnoli e le sante protettrici della città.
(Con l’assenza di Santa Rosalia, diventata patrona nel 1624 )

Facciamo qui il nostro ingresso alla Kalsa, uno dei quattro quartieri storici (o mandamenti) della città. Il suo spendido nome deriva dall’arabo Al-Khalisa, l‘Eletta, in fin dei conti, già dal periodo arabo, la zona fu scelta per costruire le più belle abitazioni degli abitanti più facoltosi della città.


Punto Secondo – Piazza delle Vergogne

Il piano Pretore è una delle piazze più sontuose della città. E’ sede di palazzi baronali dal decadente fascino, del palazzo di città, vecchia sede del senato palermitano; viene sovrastato da due cupole magnificenti appartenenti a chiese ancora più vistose ed è dominato da una grande fontana di marmo dalla forma ellittica che il Vasari qualificò come:
“Fonte stupendissima che non ha pari in Fiorenza nè forse in Italia.”

Ma qui sorge spontaneo chiedersi quale nesso abbia questa fontana con Firenze: be’ l’origine. Venne costruita per il Palazzo di San Clemente di Firenze, ma venne  poi acquistata dal senato palermitano che la fece trasportare pezzo per pezzo, 644 pezzi, nel 1581. Le statue rappresentano gli Olimpi, le figure mitologiche ed i fiumi della città.
Il nomignolo di questa fontana si riferisce  ai sessi mostrati senza pudore dalle statue o, come pensano altri, alla corruzione della città che trovarono i piemontesi al loro arrivo in città.


Punto Terzo – Profumo di caffè

Non vi siete mai ritrovati nella condizione di trovarvi di fronte ad un bivio e non sapere quale strada scegliere?
Se vi fosse già capitato saprete sicuramente come comportarvi, se, invece, è la prima volta vi ritroverete in difficoltà e non di certo poche! Ben tre chiese sovrastano, letteralmente, questo enorme spazio, ognuna in uno stile differente ed ognuna ricostruisce un frammento della storia delle dominazioni straniere in Sicilia.
Le tre cupole rossastre (così colorate solo nell’ottocento) e la forma prefettamente squadrata della chiesa di San Cataldo rendono bene l’idea di fusione tra le maestranze arabe ed il gusto normanno del tardo XII secolo.
Il prospetto settecentesco dalle fogge barocche, inganna la natura della chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio (o della Martorana). Il suo interno, infatti, è di un particolare gusto bizantino, le volte degli archi sono meravigliosamente tassellate di mosaici dai brillanti toni dorati. Su alcune colonne è possibile osservare delle incisioni in lingua araba e sulle porte, invece, gli intagli sulle porte delineano il gusto nordico dei normanni.
(Proprio qui, narra la leggenda, le monache del convento adiacente alla chiesa, durante una visita del sovrano Carlo V, per mostrare rigoglioso il giardino d’arance malgrado fosse piena estate, prepararono dei frutti di marzapane da appendere agli alberi, che acquisirono da qui il nome di frutta Martorana).
Proprio di fronte al prospetto della Martorana un si erge un monumentale complesso formato dalla chiesa di Santa Caterina d’Alessandria ed il monastero che per il suo fasto divenne uno fra i più importanti della città. Ed adesso che è nuovamente visitabile mi sembra d’obbligo fare un salto perché al suo interno.
Questa chiesa dalla pianta a croce romana, manifesta tutto lo sfarzo barocco con le sue sculture, stucchi ed i suoi intarsi di  marmi mischi che rappresentano scene tratte dall’Antico Testamento.
E poi, scendendo dalla scalinata della chiesa è un piacere lasciarsi avvolgere dal profumo di caffé dell’antica torrefazione a pochi passi distanza.


Punto Quarto – Tra le tele

Ritrovarsi a piazza croce dei Vespri è uno spettacolo sensoriale.
Posizionandosi in centro alla piazza e voltandosi tutt’attorno si ritrovano alcuni dei palazzi più belli della città tra i quali il palazzo Valguarnera, luogo in cui Luchino Visconti filmò la sfarzosissima scena del ballo del Gattopardo, con una notevole terrazza che s’affaccia su piazza sant’Anna; Il convento francescano della chiesa di Sant’Anna la misericordia ed il palazzo Bonet dallo squadrato stile gotico.
Questi utlimi edifici formano il complesso museale della GAM. Le tele contenute lì dentro rappresentano al meglio dell’espressione artistica siciliana ed europea. Tra le tante, quelle più rappresentative della città e dei suoi dintorni sono le vedute di Francesco Lo Jacono, il Ladro del Sole, (così denominato per la sua sapiente capacità di catturare la luce ed utilizzo dei colori ritraendo scorci della campagna siciliana quasi come fossero fotografie) e le rappresentazioni Neo-Impressioniste di Michele Catti, che pongono atipicamente Palermo come una città autunnale, piovosa, uggiosa ma dalla bellezza paragonabile a quella d’una capitale europea.


Punto Quinto – Una Pausa è sempre ben gradita

A piazza San Francesco poi, tra il rumore dei piatti e le chiacchiere dei commensali che pranzano fuori, sulla terrazza, prendersi una pausa è necessario, così come necessario è godere anche del cibo da strada. L’Antica Focacceria San Francesco, posta di fronte l’omonima chiesa, è un un ambiente che risplende ancora quel riflesso di Belle Epoque Palermitana, si dice che il prospetto, così come il logo, siano stati disegnati da Ernesto Basile, l’architetto Palermitano noto per le meravigliose opere in stile Liberty che adornano parecchie città italiane.
Posta di fronte alla Focacceria, si staglia il trecentesco della basilica di San Francesco d’Assisi, col suo vorticoso rosone marmoreo, risplende dello stile gotico-chiaramontano del periodo. Al suo interno, invece, si notano i segni dei differenti gusti artistici succedutisi tra i vari periodi storici: le cappelle in tufo per lo stile gotico; la cappella Mastrantonio di Laurana e le statue del Gagini segnano l’abbandono del gusto gotico ed un primo avvicinamento ad un gusto rinascimentale in Sicilia; i marmi mischi policromi e gli sfarzosi affreschi segnano il passaggio del barocco siciliano del seicento ed infine gli straordinani stucchi del Serpotta ci comunicano il transito dell’arte settecentesca nella chiesa.
Malgrado sia stata devastata due volte: dal terremoto del 1823 e dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, la chiesa, grazie ai lavori di ricostruzione e di restauro è visitabile in tutto il suo splendore.


Punto Sesto – Un tuffo nell’arte Rinascimentale

Il Palazzo Abatellis è un quattrocentesco palazzo che dopo la morte del proprietario Francesco Abatellis, per mancanza di eredi, donato ed adibito a convento monastico venendo dunque adeguato alle esigenze della vita monastica.
Durante la seconda guerra mondiale, l’edificio venne danneggiato da un bombardamento. A guerra finita, vennero promosse le attività di restauro e di allestimento dello stabile in galleria d’arte.
Al suo interno, divise in due piani, si possono trovare opere di spicco dell’arte siciliana, italiana e persino fiamminga.
Tra le più importanti si pone ovviamente il Trionfo della Morte, un affresco attribuito ad un Generico Maestro del Trionfo della morte, (probabilmente di commissione reale), raffigurante un giardino lussureggiante, popolato da uomini e donne di ogni classe sociale,  in cui la morte fa irruzione, in groppa d’uno scheletrico destriero, scoccando frecce alla folla ma risparmiando gli umili che invocano la liberazione dalle sofferenze terrene.
Ne l’Annunciata, Antonello da Messina immortala la giovane Maria interrotta durante la lettura. La composizione del busto, voltato a 3/4 e lo sfondo scuro, mostrano l’influenza della pittura fiamminga sul pittore.
Tra i quadri fiamminghi, troviamo esposte diverse tele di Antoon Van Dick ma quella che meglio rappresenta il suo soggiorno a Palermo è certamente Santa Rosalia incoronata dagli Angeli: il pittore, infatti, soggiorna a Palermo proprio nel 1624, quando la peste infuria per la città ed in quell’anno gli vengono commissionati diversi quadri ritraenti la santa.


Punto Settimo – Il più grande albero d’Europa

Si sa che ai Palermitani piacciono gli sfarzi  come il teatro Massimo, il terzo teatro più grande d’Europa. Ma la maestosità di questo non è opera imputabile all’uomo. Il Ficus Macrophylla dai 10.000 m³ di chioma è il più grande albero d’Europa e si trova all’interno di villa Garibaldi, un’isola di verde circondata dai palazzi più belli della nobilità Palermitana.
Tra questi, il più noto è certamente il palazzo Chiaramonte-Steri, costruito in stile gotico chiaramontano, una degna impronta dell’influenza del dominio dei Chiaramonte in Sicilia che è tristemente noto per le affascinanti prigioni della santa inquisizione palermitana. Degni di nota sono: il superbo soffitto ligneo della sala Magna, rappresentante storie della guerra di Troia e del ciclo Carolingio, realizzato per volere di Manfredi III durante la seconda metà del XIV secolo, ed il famosissimo quadro di Renato Guttuso la Vucciria.


Punto Ottavo – Rilassatevi

La giornata volge al termine e dopo una lunga tampasiata alla scoperta della Kalsa, adesso, prendetevela pure comoda.
Passeggiate con spensieratezza per la cala, divertitevi a trovare i nomi più assurdi delle barche a vela (Chi cerca bene trova persino Obi Wan), salite sopra e godetevi il crepuscolo, la metamorfosi di luci che avvolge la città.

Have a nice stay!